< Torna alla home
Licenza Creative Commons
Stampa l'articoloStampa l'articoloInvia via mailInvia via mail

PIX come pixel, tassello di colore. Anche se in realtà la “P” di Paratissima e il romano “IX” stanno per “nona edizione di Paratissima”.  ART GAMES, come gioco, arte, rappresentazione.

Essere nel gioco dell’arte, farne parte, come tanti pixel colorati densi di significato. L’edizione 2013 di Paratissima ha visto un numero crescente di partecipanti e di cittadini sempre più curiosi e desiderosi di scoprire e conoscere le nuove forme di arte contemporanea e di rappresentazione visiva.  

Oltre 119.000 presenze, all’interno di una superfice espositiva di 18.000 mq. Ben 606 artisti e creativi e oltre 135 eventi live. 58 progetti speciali. Il tutto arricchito da un forte entusiasmo e partecipazione dei visitatori “con la capacità di tirare dentro le persone e di farle fare delle cose che normalmente non farebbero”.

“Paratissima  è nata 9 anni fa e da allora l’ho vista crescere a dismisura in tutte le sue parti. Dalla competenza delle persone che ci lavorano, alla qualità organizzativa, alla qualità degli artisti  che si sono iscritti”
Damiano Aliprandi, Coordinatore Generale.

“Paratissima grazie a tutti i suoi 600 artisti e allo staff, e a tutti i volontari, riesce a rendere una parte della città viva”
Irene Bertolina, Responsabile della Comunicazione.

Che cosa è PIX?

Una storia fatta di persone, arte e divertimento.
Per la prima volta è stata data una possibilità in più agli artisti, quella di vendere le proprie opere d’arte. Ottavia Piazza, 21 anni, è la prima volta che espone a Paratissima ed è il primo artista che ha venduto la sua opera a Paratissima.

Definito come un “caos artistico organizzato” oppure “alice nel paese delle meraviglie” “colore, follia” o ancora “un’opportunità data a tutti”. Paratissima rappresenta una novità nel panorama degli eventi legati all’arte e alla creatività. E’ aperta e accessibile a tutti.  Come “il contributo di una unità fondamentale che messa insieme a tutti gli altri pixel costruisce un quadro complesso”
Paratissima è “caos, fermento, gioco”.

Difficile da immaginare. Una tela bianca che aspetta di essere riempita di colori e forme. Paragonabile a un quadro di Pollok.

Come sarà la prossima edizione di Paratissima nel 2014?

To be continued…

Blu Paratissima di Sikkens e il Cerchio e le gocce

Sikkens ha offerto il suo supporto per la fornitura di materiali vernicianti per la tinteggiatura delle pareti interne degli allestimenti degli artisti. E’ stato inoltre possibile personalizzare i  box e i totem  esterni con una tinta blu, definita per l’occasione “blu paratissima” , realizzata con Rubbol BL Satura (codice colore V0.40.30).

L’associazione “Il Cerchio E Le Gocce”  ha coordinato l’intervento artistico (realizzato con prodotti Sikkens) di Etnik e Giorgio Bartocci, due artisti italiani con un ruolo centrale nella scena street art internazionale.  Per la nona edizione di Paratissima hanno realizzato un intervento all’esterno dei padiglioni dell’Ex-Moi su un grande cubo metallico situato nella zona di passaggio: un’opera site-specific per riqualificarne la superficie. L’opera, prevalentemente pittorica, è stata realizzata in tecnica mista, intrecciando gli stili e amalgamandoli sapientemente in un unico lavoro. 

Catalogo della manifestazione

Per approfondimenti:

Etnik Nato a Stoccolma (Svezia). Vive attualmente in Toscana e lavora tra Pisa e Firenze. Etnik è lo pseudonimo dietro al quale si cela la figura poliedrica di Alessandro Battisti, dagli anni ‘90 uno degli artisti più attivi e completi del writing in Italia. Artista autodidatta, concretizza la sua attività artistica alla fine degli anni ’80 a Firenze.

Giorgio Bartocci Vive immerso in una sorta di tensione creativa che è l’ansia e il ritmo della vita quotidiana. Ama interagire graficamente nella complessità delle strutture urbane. 

Il Cerchio e le Gocce è un’associazione culturale, nata a Torino nel 2001. L’interesse radicato per le culture underground, la street-art e il graffiti-writing, da promuovere all’interno della città, in modo finalmente legale, porta alla nascita di questa realtà.
 

Galleria immagini: 
Live-painting di Etnik e Giorgio Bartocci
Installazione interna site-specific di Corn79, Mrfijodor e Zorkmade
Live-painting di Etnik e Giorgio Bartocci
Articolo precedente Articolo successivo