< Torna alla home
Licenza Creative Commons
Stampa l'articoloStampa l'articoloInvia via mailInvia via mail

Un progetto nato con l’obiettivo della riqualificazione urbana della zona 6 di Milano. Un progetto di ampio respiro messo a punto grazie anche al contributo di Sikkens.

CLER è il termine tipico milanese per definire saracinesca, e proprio per questo era stato scelto per denominare il progetto di public art firmato da Art Kitchen che utilizza le saracinesche dei negozi come tele per giovani artisti contemporanei, dando così la possibilità a chiunque di apprezzarlii, fotografarli e goderne liberamente passeggiando per la città. Interi quartieri trasformati in vere e proprie gallerie a cielo aperto.

L’idea del progetto proposto da Art Kitchen sposa perfettamente l’approccio di Sikkens di migliorare gli spazi di vita delle persone, e quindi di “Aggiungere colore nella vita delle persone”, già promossa attraverso la campagna internazionale Let’s Colour.

25 cler, o saracinesche, 12 giovani artisti per dare un nuovo aspetto alle strade della zona 6 dei Navigli di Milano.

Latte e pennelli alla mano, con un unico obiettivo: creare un percorso visivo fatto di immagini, fumetti e ritratti e realizzare così una galleria d’arte alla portata di tutti, da via Solari a via Lorenteggio, arrivando fino a via Inganni.

L’inaugurazione ufficiale nel giugno dello scorso anno, in occasione della quale sono stati organizzati tour guidati in bicicletta lungo tutto il percorso, per spiegare il progetto e i suoi contenuti, approfittando delle domeniche senz’auto. Non è mancata la  partecipazione anche da parte dei commercianti, che ignoravano la tipologia di intervento al proprio negozio e che, fidandosi, hanno saputo trarre beneficio dalla visibilità mediatica intorno all’evento.

Quale partner tecnico del progetto, Sikkens ha fornito gratuitamente materiale per la personalizzazione delle saracinesche, in particolare fondi antiruggine e smalti: Redox AK 1190 Plus, Redox AC Multiprimer New, Rubbol BL Finura Satin, che hanno letteralmente trasformato superfici anonime come le saracinesche in tele alternative dove esprimere liberamente la propria creatività. I soggetti ritratti spaziano da scene di vita comune a personaggi delle favole, contribuendo a creare un’atmosfera più piacevole e meno grigia del solito.

L’iniziativa di Art Kitchen è importante per una realtà come Milano. Il progetto CLER ha infatti permesso di valorizzare la creatività degli “street artists” troppo spesso considerati come dei semplici graffittari capaci di imbrattare muri e spazi pubblici. Una nuova forma d’arte urbana, che cresce in un tessuto sociale sempre più complesso, multietnico e sfaccettato, in cui diverse componenti entrano in gioco. Sikkens guarda con attenzione a questi nuovi fermenti artistici, e dove possibile, offre il suo contributo per una maggiore valorizzazione e divulgazione verso un pubblico sempre più ampio e consapevole.

Galleria immagini: 
Articolo precedente Articolo successivo